Cerca nel blog

martedì 8 ottobre 2019

Portagioie Fai da te: mettiamo ordine a collane ed orecchini


Grazie al riciclo creativo è possibile ottenere degli originali portagioie dai-da-te. Perché acquistare un nuovo portagioie se per la sua creazione è sufficiente utilizzare dei materiali di recupero, oppure considerare un oggetto già in proprio possesso, ma inutilizzato, da una prospettiva differente? Ecco dieci idee tra le quali è possibile scegliere per ottenere un nuovo contenitore o supporto con cui riordinare i propri orecchini, bracciali, anelli e collane.

1) Da una scatola di cioccolatini

Da una scatola di cioccolatini vuota è possibile ottenere un portagioie in maniera molto semplice. Le scatole di cioccolatini ideate per le festività posseggono inoltre un aspetto ed una conformazione adatta a contenere dei gioielli, che possono essere inseriti proprio negli spazi in cui in precedenza si trovavano i cioccolatini.


2) Da un vecchio quadro

A partire da un vecchio quadro ecco un'idea creativa per realizzare un portagioie adatto soprattutto a riporre bracciali e collane. Per ottenerlo è necessario applicare sulla superficie del quadro una retina metallica e dei gancetti a cui poter appendere i propri gioielli. E' possibile ridipingere o rivestire sia la cornice esterna che la parte interna del portagioie secondo i propri gusti.


3) Da una grattugia

Vi sono alcuni utensili della cucina che possono trasformarsi facilmente in un portagioie. A partire da una grattugia vecchia o inutilizzata è possibile ottenere un portagioie adatto soprattutto per riporre gli orecchini pendenti dotati di gancetto, senza avere il timore di perderli. La grattugia può essere ridipinta e dotata di piedini o di una base d'appoggio.


4) Da rametti di legno

A partire da rametti di legno raccolti da terra durante una passeggiata nel verde, è possibile realizzare un portagioie che richiami la forma di un albero, unendo i rametti l'uno all'altro utilizzando del filo di rame sottile. Questo portagioie può essere appeso ad una parete ed utilizzato per appendere anelli, orecchini e catenine.


5) Dalle grucce

Le grucce per gli abiti possono rappresentare degli ottimi oggetti di partenza per ottenere un portagioie. Aggiungendo dei gancetti al di sotto di una gruccia di legno si otterrà un supporto adatto per gli orecchini. Le grucce per i pantaloni, dotate di supporto orizzontale, saranno invece perfette per bracciali e collane.


6) Dalle bottiglie di plastica

Da bottiglie di plastica di diverse dimensioni è possibile ottenere un portagioie. Di ogni bottiglia dovrà essere ricavato il fondo. Ognuno di essi dovrà essere posizionato ad altezze diverse lungo una vite filettata, dopo essere stato forato al centro. 


7) Dai vecchi CD

Da un vecchio CD e dalla base di un contenitore per i compact disc è possibile ottenere un portagioie di forma circolare adatto a riporre gli orecchini. Il CD dovrà essere applicato orizzontalmente sul supporto e dovrà essere bucherellato lungo tutto il proprio bordo, in modo da avere a disposizione numerosi forellini in cui inserire i gancetti per gli orecchini.


8) Dai tappi di sughero

Dal nostro Forum ecco un'idea per realizzare un portagioie a partire dai tappi di sughero. Si tratta di rimuovere il vetro da una vecchia cornice e di applicare sulla sua superficie dei tappi di sughero, a cui dovranno essere applicati dei gancetti che serviranno a sorreggere i gioielli che verranno appesi, come orecchini, anelli, bracciali e collane.


9) Da una tovagliette antiscivolo

Ancora da una segnalazione ricevuta tramite il nostro Forum, ecco un'idea inaspettata per la realizzazione di un portagioie. Si tratta di utilizzare una tovaglietta antiscivolo da cucina in gomma, come quelle che si impiegano per proteggere il fondo del lavello. Se essa è già bucherellata, sarà sufficiente appenderla in posizione verticale ed utilizzarla come supporto per i gioielli.


10) Da una racchetta da tennis

Realizzare questo portagioie è davvero semplice. Si tratta dia vere a propria disposizione unaracchetta da tennis da appendere alla parete della propria stanza con un gancio robusto adatto a sorreggerla. La rete della racchetta risulterà perfetta per appendere gioielli come orecchini e collane, che finalmente saranno in ordine.


E a voi quale piace di più? Dove tenete i vostri gioielli?

Embed This

lunedì 23 settembre 2019

Nuova vita alle vecchie pentole – Tutorial Riciclo Creativo


Con il tempo, e soprattutto a forza di usarle, pentole e padelle si usurano al punto tale da non essere più utilizzabili. Sicuramente ne avrete in casa molte che non utilizzate più da diverso tempo ma che non avete ancora buttato via perché la maggior parte delle pentole va smaltita correttamente.

Ammettiamolo, non sempre si ha tempo e voglia di recarsi in discarica e questa è una ragione in più per dedicarsi al riciclo creativo! Si, perché anche pentole e padelle possono trasformarsi in nuovi utili oggetti per la casa .

Con un pò di fantasia e una buona dose di manualità è possibile dare una nuova vita ai nostri amati utensili da cucina. Avreste mai pensato ad esempio di poter ricavare uno specchio da una vecchia tortiera o un nuovo porta gioie dalla teglia per i muffin?

Queste sono soltanto alcune delle tantissime idee riciclo che si possono realizzare. Ve ne mostreremo alcune corredate da semplici tutorial fotografici che vi guideranno passo dopo passo.












Idee fai da te riciclo: una padella trasformata in orologio

Le padelle sono sicuramente le stoviglie che tendono maggiormente a rovinarsi. Con l'utilizzo infatti il rivestimento esterno tende a graffiarsi, soprattutto se non viene fatta sufficientemente attenzione quando si girano o mescolano i cibi.

Se avete in casa una padella graffiata, ecco una delle idee riciclo creativo: trasformatela in un orologio per la cucina.





Il modo più semplice è quello di attaccare degli sticker a forma di numero in corrispondenza delle ore e di realizzare con il trapano un foro al centro per fissarci il meccanismo delle lancette.

Se volete invece qualcosa di più originale potete decorare la superficie della padella con della vernice adatta o affidandovi all'arte del decoupage.


Decorazioni fai da te con gli stampi per ciambellone

In occasione delle festività è sempre bello creare delle decorazioni fai da te per abbellire casa. Conservate quindi questa idea per la prossima occasione! Si tratta di utilizzare un vecchio stampo per ciambellone per farne una bella ghirlanda da appendere alla porta.

Oltre allo stampo avrete bisogno di una vernice colorata adatto al materiale della teglia, di una spugnetta e di un bel nastro di raso o di cotone dello stesso colore della vernice.





Se lo stampo è già colorato, come quello che vedete in foto, siete a metà dell'opera. Altrimenti potete utilizzare della vernice spray del colore che preferite.

Una volta asciugato lo stampo, procedete con le decorazioni fai da te .

Prendete la spugnetta, che avrete precedentemente ritagliato in modo da darle una forma rotonda, oppure acquistata già bella e pronta in un negozio di hobbystica, e intingetela nella vernice prescelta per poi imprimerla sulla superficie della teglia.




Ne otterrete dei simpatici pois che daranno allo stampo un effetto allegro e festoso.

Mentre aspettate che la vernice si asciughi per bene, occupatevi del nastro, che sarà composto da tre parti. La prima è una striscia che va infilata nel buco dello stampo e cucita nei due bordi esterni.




La seconda è un piccolo anellino che vi servirà per appendere la ghirlanda al muro o alla porta e che va cucita dietro al nastro principale. Mentre la terza parte è costituita da un bel fiocco che cucirete davanti al nastro principale.




Sicuramente le foto chiariranno meglio i vari passaggi da seguire.

Questa ghirlanda è pensata per le feste natalizie, dove il rosso la fa da padrone ma può essere facilmente rivisitata per quelle pasquali o per compleanni e ricorrenze varie.






Riciclare e creare significa anche prendere ispirazione e adattare le idee alle nostre esigenze!

Riciclo creativo pentole: teglie da forno per appendere le piante

Le piante sono in grado di dare grande personalità agli ambienti, contribuendo a infondere una sensazione di benessere. Bisognerebbe quindi sempre pensare di arredare gli spazi domestici con del verde.

Fra le idee riciclo creativo vi proponiamo quindi quella di utilizzare delle vecchie teglie da forno o tortiere, insomma qualsiasi recipiente composto di un materiale leggero, per farne dei vasi per le piantine da appendere al muro o al soffitto.





Iniziate ridipingendo gli stampi e le teglie utilizzando una vernice spray. Poi procedete effettuando dei fori sui due lati con un trapano.





A questo punto, procuratevi delle cordicelle resistenti di qualsiasi materiale e fissate dei ganci al soffitto o alla parete.




Il gioco è fatto: riempite gli stampi con del terriccio, metteteci le piantine e agganciatele.





L'effetto, come potete già vedere dalle foto, sarà a dir poco stupefacente!

Riciclare e creare uno specchio con una vecchia teglia

Se è vero che quella del riciclo creativo è un'arte, l'idea che stiamo per darvi ne è la conferma.

Si tratta di realizzare uno specchio da appendere alla parete, riutilizzando non soltanto una vecchia pentola, che in questo caso può essere una tortiera o una classica teglia da forno dai bordi bassi e dalla forma ovale, ma anche una cintura che non indossiamo più, unite ad altri elementi che possono anche essere di recupero. Nel caso specifico. un paio di ganci e uno specchio ovale, che deve avere le stesse dimensioni della teglia.



Una volta recuperati tutti questi elementi, il primo passo da compiere è quello di incollare lo specchio alla superficie interna della teglia, utilizzando una colla molto forte.



Poi, procedete fissando i gancetti alle due estremità della teglia. A questo punto fateci passare il cinturino, mettete un chiodo alla parete e appendete il vostro nuovo specchio.



Potrà piacervi o no, ma è indubbiamente una delle idee fai da te riciclo più originali!

Riciclare vecchie pentole: portagioie con la teglia per i muffin

Il segreto dell'arte del riciclo creativo, come abbiamo detto più volte, è quella di guardare gli oggetti con occhi diversi, trovando per loro nuovi usi rispetto a quello per cui sono stati prodotti.

Un esempio?

Osservate la vostra vecchia teglia per i muffin e provate a immaginarne un impiego diverso. Noterete che gli stampini profondi potrebbero essere perfetti come contenitori, all'interno dei quali riporre piccoli oggetti.

Perché allora non trasformare la teglia in un comodo portagioie da riporre sul comò o sulla mensola della camera? Chiaramente l'estetica gioca un ruolo fondamentale, quindi se la vostra vecchia teglia è arrugginita e graffiata, va rinnovata completamente.

Procuratevi una carta vetrata e della vernice spray per darle una ventata di freschezza!

In caso contrario, come la bella teglia che vedete in foto, non avrete bisogno di fare alcunché, se non di riempire i singoli contenitori con i vostri gioielli.

Il risultato vi soddisferà sicuramente e potrete mostrarlo con fierezza alle vostre amiche.

Se le idee fai da te riciclo di vecchie pentole che vi abbiamo dato non sono abbastanza, date sfogo alla vostra fantasia!!
Embed This

martedì 3 settembre 2019

La Regione Puglia rilancia i mestieri di una volta, tra i “Maestri Artigiani” anche l'andriese Raffaella Ieva

I mestieri artigianali stanno inesorabilmente scomparendo, con un immenso patrimonio di tradizioni, usi e costumi che svaniranno assieme a loro. Mentre il mercato del lavoro e il tessuto sociale cambiano di pari passo, gli Enti locali provano ad invertire la rotta con politiche volte alla rivalutazione degli antichi mestieri.


Questo accade anche in Puglia dove con la Legge Regionale n.26 dello scorso 19 giugno 2018 è stata approvata la “Disciplina dell’apprendistato e norme in materia di Bottega scuola”. In questo modo la Regione Puglia intende promuovere e favorire, d’intesa con le associazioni di categoria del comparto dell’artigianato, progetti di valorizzazione e recupero dei mestieri dell’artigianato artistico, tradizionale e dell’abbigliamento su misura anche con l’obiettivo di “innestare” giovani risorse nei settori produttivi a rischio di estinzione e incoraggiare il ricambio generazionale attraverso il trasferimento di competenze, lo sviluppo di produzioni di nicchia, l’innovazione tecnologica di processo e prodotto, l’interscambio di competenze tra i diversi soggetti che ne sono portatori.

Questo avviene in maniera analoga in altre Regioni d’Italia dove vi è la stessa sensibilità. Da ciò è nato un grande database nazionale che comprende le migliori esperienze artigianali che sopravvivono al passare del tempo e al cambiamento unidirezionale della società. In Puglia, così come in altre Regioni, è stata istituita anche la figura del “Maestro Artigiano”, un titolo ragguardevole attribuito a coloro che siano titolari o siano stati titolari di imprese artigiane, regolarmente iscritte all’Albo provinciale o regionale delle imprese artigiane. A queste personalità di spicco sarà demandato il compito di insegnare e tramandare il mestiere alle nuove generazioni, attraverso iniziative strutturate in particolari programmazioni su scala provinciale, regionale e nazionale.
Negli ultimi giorni è stato pubblicato l’elenco aggiornato dei soggetti a cui è stato attribuito questo importante titolo, dopo un’attenta analisi di conformità dei stringenti requisiti a cura della Commissione Regionale per l’Artigianato Pugliese (C.R.A.P.).



“Accolgo con entusiasmo ed ottimismo gli sforzi che la Regione Puglia sta facendo per salvaguardare un patrimonio di mestieri che altrimenti andrebbero perduti” – afferma Raffaella Ieva. Per quanto mi riguarda, questo riconoscimento sarà linfa nuova per il prosieguo del percorso iniziato all’interno de La Favola Incantata, che già era marchio registrato e adesso diventerà Bottega-Scuola. Il nostro obiettivo, infatti, è proprio quello di educare le nuove generazioni alla salvaguardia dell’eredità artigianale dei nostri padri, soprattutto in un’epoca di crisi economica che impone, in un certo senso, umiltà e ritorno alle radici”. 
Embed This